Lo sviluppo di un racconto

Ogni mattina i bambini e le bambine della scuola dell’infanzia vivono il rituale del cerchio: un tempo dedicato alla routine in cui ognuno può scegliere di raccontare, condividere il proprio pensiero, esporre proprie idee ed ascoltare quelle degli altri.

Ci sono argomenti che più di altri catturano un’attenzione condivisa, generando dialoghi animati che danno modo alle insegnanti di tradurli in possibili tracce da perseguire.

Un bambino racconta con particolare enfasi di un’esperienza vissuta in famiglia: “sono stato al parco della preistoria” . Un’esperienza che si rivela comune ad altri bambini e al contempo molto partecipata. Nel dibattito avanza l’idea condivisa di voler riproporre il parco per poter giocare con i dinosauri.

Matura la necessità di reperire del materiale all’esterno dell’edificio scolastico.

La raccolta genera a sua volta quesiti specifici, che portano a selezionare il materiale e a vivere nel gruppo un’esperienza di negoziazione rispetto alla scelta di cosa sia opportuno riportare a scuola. Scelta maturata anche in base alle conoscenze che ciascuno possiede rispetto “ai dinosauri”.

Tornati in classe si stabilisce di classificare e seriare il materiale raccolto per facilitarne la scelta durante il gioco, riconoscendo sia forse eccessivo.

In questo modo i bambini e le bambine hanno a disposizione materiale da predisporre sopra una base mobile su cui organizzare ogni volta il gioco.

L’esperienza si spinge oltre le premesse e rimanda a due sviluppi possibili: è proprio necessaria una base mobile, in parte predisposta, o si può pensare ad un contesto di gioco in cui richiedere ai bambini e alle bambine un’ulteriore capacità creativa?

A distanze di qualche giorno, oltre alla base di gioco, si propone un contesto non strutturato in cui richiedere ulteriori competenze. Ascoltare i dialoghi tra i bambini e le bambine dà l’opportunità di considerare anche la loro capacità narrativa.

Il secondo sviluppo ci viene suggerito proprio da uno dei dialoghi intercettati durante il gioco: “i dinosauri si sono istinti perché é arrivato un meteorite sulla terra che ha distrutto tutto, poi é successa una cosa terribile, il vulcano ha eruttato ed ha bruciato tutto. Dobbiamo costruire un vulcano …”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *